Il coronavirus è l’alibi perfetto che il governo vuole utilizzare per rimandare la tornata di nomine di Stato, che da calendario si apre domani con il Monte dei Paschi e si chiude in un paio di settimane con Eni, Enel, Poste, Leonardo e le altre. Più che l’emergenza sanitaria, qui pesa la concordia nazionale, che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lettere d’amore dall’esilio: Fascina e Silvio in fuga dal virus

prev
Articolo Successivo

Confindustria s’impone. Fabbriche aperte: “Ci auto-regoleremo”

next