Il ritorno

Salvini in ruspa a Napoli: “Sembra un campo rom”

E fa melina su Caldoro: “Non conta il nome del candidato, ma la squadra”

19 Febbraio 2020

Chissà che Napoli ha visto Matteo Salvini. Pare peggio di Kabul: “Ho fatto un giro al centro – ha detto il leghista – e sembrava un campo rom, gente che pisciava, materassi abbandonati”. Ieri il “capitano” è tornato a fare campagna elettorale nella città con cui ha un rapporto storicamente complicato, almeno dai tempi del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.