Sono infiniti i luoghi deputati all’amore: spingendo da parte i più canonici che tutti abbiamo frequentato – spiagge nelle notti d’estate, boudoir, sedili posteriori delle auto – o i più stravaganti per gli spiriti ardimentosi – cime dei monti, ascensori o camere con letto a baldacchino –, ne esiste uno cui mai nessuno aveva pensato. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Paolo Taviani si dà a Pirandello (Per la prima volta da solo)

prev
Articolo Successivo

Chi l’ha detto che la Natura è morta?

next