La rabbia (di Salvini) e l’orgoglio (in Emilia-Romagna) Sono contento e orgoglioso dei miei conterranei emiliano-romagnoli, gente semplice e attenta. Poiché nella nostra indole prevale l’amore, anche per l’avversario, volevo suggerire a Salvini di fare un corso di educazione e convivenza. Io ho smesso a 10 anni di andare a suonare i campanelli. Si riposi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Beppe Mora

prev
Articolo Successivo

Citofoni, pesci e Jole: cosa resterà del voto

next