Bianchi e neri. Come i tasti del pianoforte. Anche se i neri sembrano più dei bianchi. Parlo de Il tocco del pianista, romanzo nel quale le note basse sembrano più frequenti di quelle alte, quasi che le mani dell’autore abbiano indugiato sulla parte sinistra della tastiera. Peccato. Perché il movente narrativo è forte: una realtà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

D’Amore in Versilia e Golino dappertutto

prev
Articolo Successivo

Impressionisti (quasi) segreti, ma iconici

next