Il procuratore aggiunto di Catanzaro Vincenzo Luberto “asserviva stabilmente la sua funzione al deputato del Pd Ferdinando Aiello in cambio di promesse di denaro, beni e utilità”. È l’accusa mossa dai pm di Salerno nei confronti del magistrato calabrese, perquisito nei giorni scorsi perché indagato di corruzione e per rifiuto d’atti d’ufficio. Il tutto aggravato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, indagato governatore Valle d’Aosta

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next