Fino al 2015, Jeremy Bernard Corbyn è una figura marginale nel Partito laburista: il rappresentante eccentrico dell’ala minoritaria di sinistra, visto come il nostalgico relitto di un socialismo sconfitto dalla storia. Pacifista, anti-monarchico, patron di tutte le cause minoritarie, uomo delle mille petizioni, ostinato nel votare, nei 13 anni del Labour al potere, 420 volte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Boris, l’esecutore del piano: bugiardo però convincente

prev
Articolo Successivo

“Sono fuggita da Hollywood La Deneuve? Mi dava del lei”

next