Dopo Andrea Nocera, dimessosi da capo degli ispettori del ministero della Giustizia perché sotto inchiesta a Napoli per corruzione, c’è un altro magistrato indagato nel ‘circoletto’ di armatori, politici locali, toghe e 007 con ‘sede’ al porto turistico di Marina di Stabia. Si tratta di Vincenzo D’Onofrio, aggiunto della Procura di Avellino – ufficio del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Senza voce perché per legge non esistono”

prev
Articolo Successivo

Il sì al Tav resuscita l’eterno pasdaran Foietta

next