Il Tav deve essere fermato non solo perché inutile, ma anche perché i primi cantieri ledono già i trattati fra Italia e Francia. Lo sostiene il professor Avernino Di Croce, sindaco di Venaus (Torino) – uno dei Comuni della Val di Susa interessati dall’opera – che in queste ore ha inviato una lettera al presidente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Ben 143 collaudatori sono dipendenti pubblici

prev
Articolo Successivo

Basta una buca e il paese è isolato. Da tre anni

next