Nella storia dell’Unione Sovietica comunista, il 1936 è ricordato come l’anno in cui iniziò il primo dei processi voluti da Iosif Stalin per annientare gli oppositori e la vecchia guardia bolscevica. Si tenne a Mosca, nella Casa dei Sindacati, dal 19 al 28 agosto; tra i 16 imputati, tutti condannati a morte, c’erano Kamenev e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Trump, una telefonata ti accorcia la vita (politica)

prev
Articolo Successivo

“Vendevo frutta al mercato, poi è arrivata la danza: nella mia vita ho avuto culo”

next