Se vi dicessero che un presidente di un club di calcio ha le chiavi d’accesso degli account social del suo allenatore dove può scrivere quello che vuole facendo finta che a farlo sia l’allenatore, e che la cosa è stata messa addirittura a contratto, proposta, accettata e controfirmata, voi ci credereste? No? Allora non avete […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sherlock, “preti pedofili e omertà. A 17 anni da Spotlight tutta la Chiesa ha fallito”: l’intervista al giornalista del team del Boston Globe

prev
Articolo Successivo

Dio è una donna ma il mondo ancora non lo sa

next