Il capo politico che però non è il numero uno ascolta e talvolta interviene, con l’aria stanca di chi ha dormito poco. Invece il Garante, che quando vuole dice ancora l’ultima parola, gesticola e parla senza fermarsi, tonico, perché il padrone di casa è lui. È Beppe Grillo che di sabato mattina convoca Luigi Di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

#iorompoicoglioni: i ribelli non mollano

next