“Facciamo girare, VERGOGNA!! Stamattina al Tribunale di Siena hanno mandato all’asta e portato via la casa a Sandra, invalida al 100% e malata terminale”. Era il 5 dicembre 2017 e il post su Facebook, nemmeno a dirlo, era firmato Matteo Salvini, non ancora al Viminale. Quel giorno il suo pensiero era andato a lei, Sandra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Eravamo tre leghisti in aula: “I treni? Entro le elezioni”

prev
Articolo Successivo

Sbaglia uno e pagano tutti: la legge della casa a Trento

next