Andreotti che gioca a carte, Andreotti che va alle corse dei cavalli, Andreotti alle Olimpiadi del ’60 a Roma. Basta un centenario, quello della nascita del Divo Giulio, e tutto può succedere, compreso il cortocircuito per cui a raccontare agli studenti delle scuole superiori Andreotti, spesso persino escluso dai programmi di storia, siano direttamente i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Chef Rubio, bandiera della sinistra. Ma parla come uno di CasaPound

prev
Articolo Successivo

Gozzo passa, ma sulla Dna si spaccano il Csm e Aei

next