Una tempesta è passata, ma non per sempre. Infatti sfogliando e cominciando a leggere le prime pagine di “Lilith” di Davide Nota (editore Sossella) si capisce subito che l’autore sta in guardia. Cerca una via di fuga fra la poesia, che è il suo strumento espressivo e da cui gli è difficile separarsi, e l’impegno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Joseph Beuys: l’artista sopravvissuto alla guerra, ecologista prima di Greta

prev
Articolo Successivo

Irma, la tata vergine, solo casa e lavoro

next