“Nessuno aveva accesso alle cure. Chi aveva problemi veniva lasciato morire. Ci chiedevamo come fosse possibile che umani facessero cose del genere ad altri essere umani”. Lo racconta chi è rimasto vivo tra più di 600 persone rinchiuse per mesi in un ex rifugio militare libico, dove si sarebbero praticate sevizie, torture e omicidi, prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Immigrazione, l’emergenza non è in mare: “60 mila irregolari in più”

prev
Articolo Successivo

Soros, gli Agnelli e Sindona jr: chi finanzia la galassia Radicale

next