Ma come si è potuto costruire a Taranto il colosso fumigante del Centro siderurgico a ridosso della città, attaccato al quartiere Tamburi? Uno se lo chiede spontaneamente di fronte alle immagini della tragedia ambientale tarantina o alle cifre agghiaccianti dell’aumento delle forme cancerogene. E magari si risponde accusando di faciloneria i “boiardi di Stato” dell’Italsider […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Conti pessimi e crisi dell’acciaio in Europa: cosa c’è dietro la fuga del colosso da Taranto

prev
Articolo Successivo

“Un atto del Pd sullo scudo e il governo salta subito”

next