Giro pizza in franchising e interessi criminali con personaggi collegati alla ’ndrangheta. La direzione distrettuale antimafia di Milano coordinata dalla dottoressa Alessandra Dolci mette a segno un’inchiesta storica. Per la prima volta, infatti, viene certificata l’infiltrazione nel ricco settore del food milanese, esploso dopo l’Expo. Dominus di questa storia è il calabrese Giuseppe Carvelli con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Milano, “Rischio Casalesi” nella security dei lavori del metrò

prev
Articolo Successivo

Eni e la Virgin Naphta Amara faceva affari con l’Iran fin dal 2015

next