La droga, un colpo di pistola, la morte di un ragazzo. Su questo si è scatenato, di nuovo, un inferno mediatico su Roma. Cronisti e commentatori prendono prima una “toppa” (lo scippo finito tragicamente), poi fanno il proprio mestiere su un orrendo fatto di cronaca. Ma per Roma c’è sempre un di più di critica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Pregare Gesù significa riconoscere i propri (e non gli altrui) peccati

next