Quando il libro rosso di Michel Houellebecq è comparso tra gli scaffali in libreria – con la sua volpe grigia minacciosa, guardinga e allo stesso tempo arrogante sulla tavola imbandita appena conquistata, ideale allegoria della Francia che in Sottomissione è in balia del partito islamico vincitore delle Presidenziali – a qualcuno quell’immagine ne avrà riportato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Boom di escape room: lo stop al gioco horror che piace e costa tanto

prev
Articolo Successivo

“Poor boy” Nick: quella “Luna rosa” se lo portò via

next