Le verità sono nascoste nei dispositivi elettronici. Di tutti. Se cellulare e pc di Tiziano Renzi agitano il figliolo Matteo, leader di Italia Viva, un pc e uno smartphone turbano la Lega di Salvini, l’altro Matteo: sono di Armando Siri e Gianluca Savoini. Il 2 ottobre la Giunta delle elezioni e delle immunità del Senato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il cellulare di babbo Renzi potrebbe riaprire Consip

prev
Articolo Successivo

È morto Penati: da sindaco di “Stalingrado” ai guai giudiziari

next