Un altro taglio dei tassi deciso da una Federal Reserve divisa, dopo quello di luglio (era stato il primo dalla crisi del 2008). Si tratta di una riduzione di un altro quarto di punto del costo del denaro, dentro una forchetta che ora va dall’1,75 al 2%. Incertezza sulle prossime mosse della banca centrale statunitense, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)