Luigi Di Maio è un pokerista obbligato. Un capo che ha cambiato troppo per non cambiare anche il resto dentro il suo Movimento, deciso a rilanciare sulle regole e sull’identità per mutare perfino il suo dirimpettaio, il Pd. E Nicola Zingaretti deve guardare il suo gioco: per non restare dietro a chi vorrebbe dare le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

La sindaca di Assisi: ideale per il patto di San Francesco

next