Il presente è il contrario del passato, e guai agli idealisti. “Nei momenti di difficoltà abbiamo la tentazione di dire che uno è più del Movimento degli altri, ma è il meccanismo migliore per chiudersi tra i più puri, che probabilmente più puri non sono”: così sostiene Luigi Di Maio in un sabato mattina romano, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Franceschini tesse la sua tela per fare la “grande” alleanza

prev
Articolo Successivo

Santangelo, Lezzi&C.: la rabbia degli esclusi “mina” per il Senato

next