Diciamo la verità. Da quando Luciano D’Alfonso ha lasciato la regione per trasferirsi a Roma, l’Abruzzo è diventato un mortorio. Perché l’ex governatore lo rimpiangono soprattutto i suoi avversari, che oggi ne sono orfani dopo averne dovuto sopportare la presenza prima come presidente della Provincia, poi sindaco e infine governatore. Considerato il Remo Gaspari di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

fatto a mano

prev
Articolo Successivo

Alleanze, il M5S fa muro: “È ancora troppo presto”

next