Giura che da quando gli hanno fatto visita le Fiamme Gialle non ha più aperto i due pc che i magistrati di Milano vorrebbero tanto sequestrargli. E si dice disponibile a metterne a disposizione i file ma a patto di poter vigilare affinché non venga copiato nulla che abbia a che fare con la sua […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Centemero, ancora guai: indagato anche a Milano

prev
Articolo Successivo

Caso Palamara, pressioni su Criscuoli: “Si dimetta”

next