Le alte gerarchie militari hanno tirato un sospiro di sollievo quando hanno saputo della nomina di Lorenzo Guerini a ministro della Difesa, dopo lo scompiglio provocato da Elisabetta Trenta, che – al netto anche delle scelte e degli errori – con questi mondi aveva ingaggiato una dialettica, rimettendo in discussione scelte e abitudini ataviche. Ovvero, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sottosegretari, Conte preme. Le partecipate vanno a Chigi

prev
Articolo Successivo

Musei, alt alla riforma Bonisoli Franceschini ritira i decreti

next