Sulla carta, Adolfo Urso di Fratelli d’Italia è favorito per la successione al vertice del Copasir dopo l’addio di Lorenzo Guerini nel frattempo promosso ministro della Difesa. Ma sulla carta soltanto. Perché nonostante Urso sia già vicepresidente, nel comitato di palazzo San Macuto la partita dell’avvicendamento al Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica pare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Russia e Cina, gli americani vogliono garanzie dal Conte II

prev
Articolo Successivo

L’uomo di Putin e l’italiano. Mail, incontri e contatti

next