La bozza di programma giallorosé pubblicata dal Movimento 5 Stelle per il voto su Rousseau è perentoria: “È necessario inserire, nel primo calendario utile della Camera dei deputati, la riduzione del numero dei parlamentari, avviando contestualmente un percorso per incrementare le garanzie costituzionali, di rappresentanza democratica, assicurando il pluralismo politico e territoriale”. Insomma, la riforma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il programma 5S-Pd: 26 buoni propositi con l’incognita deficit

prev
Articolo Successivo

Panico in Rai, Foa medita la resa. Ai piani alti si riscopre la sinistra

next