La richiesta dei giudici di Milano, che vorrebbero tanto sequestrare due pc in uso ad Armando Siri, “è priva di serietà” ma anche “indebita” ed “estranea alle esigenze della giurisdizione” “perché finalizzata all’accertamento investigativo di un fatto che ab origine non può costituire reato”. Lo sostiene il senatore leghista Armando Siri nella memoria depositata agli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cassandra Pizzarotti, l’intervistato seriale

prev
Articolo Successivo

Moscopoli, c’è il nome del secondo russo al tavolo

next