Tante espulsioni, qualche punto programmatico e poche, ma fondamentali, scelte politiche. La storia delle consultazioni online del Movimento 5 Stelle parte sul blog di Beppe Grillo, prima del trasferimento nell’aprile 2016 sulla piattaforma Rousseau, che oggi conta circa 100.000 iscritti. In questi anni la base è stata coinvolta decine di volte tra primarie per le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Casaleggio non ci sta: “Chi vota su Rousseau conterà”

prev
Articolo Successivo

“Al governo con il Pd, il M5S riuscirà a fare le sue riforme”

next