Si è fatto da parte: proprio lui, il grillino più rosso che c’è, ergo sulla carta l’uomo perfetto per la sintesi. Ma tra teoria e pratica spesso in politica corre un oceano. Così ieri Roberto Fico, il nome che il Pd aveva rilanciato per Palazzo Chigi per stanare Luigi Di Maio, ha detto no, grazie. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Zingaretti insiste, Di Maio alza il tiro. Oggi il giro di boa

prev
Articolo Successivo

Conte II e Andreotti III: le analogie con il 1976

next