È ufficialmente iniziata la rumba elettorale, almeno in tv. Anche se non è affatto detto che si vada al voto ad ottobre, l’Autorità Garante delle Comunicazioni ha scritto ai colossi televisivi invitando Rai, Mediaset, Sky, Rti e Discovery a darsi una regolata e applicare le regole della par condicio che valgono per il periodo prelettorale: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Salvini ha paura del Metropol. Ora aspettiamo Conte in aula”

prev
Articolo Successivo

Open Arms bloccata in rada. Il pm: “Sequestro di persona”

next