Centristi ma non centrali, almeno da quando è iniziata la Seconda Repubblica. E non senza paradossi evidenti, perché entrambi i poli dell’ultimo quarto di secolo hanno perso la loro spinta propulsiva per l’ossessiva ricerca dei fatidici moderati, da una parte la destra di Berlusconi e Fini, dall’altra il Pd ulivista. Al punto che oggi al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

A Pomigliano: “Napoletani al rogo”. L’autore: “Per spronare…”

prev
Articolo Successivo

“Missili ai ribelli libici”: la Francia è sotto accusa

next