Nonostante l’accordo raggiunto tra i dimostranti della società civile, che da dicembre protestano per le strade, e i generali dell’esercito – residui dei militari golpisti (che avevano preso il potere il 30 giugno 1989 e da allora non l’hanno più mollato) – per un governo di transizione che organizzi elezioni generali tra tre anni e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Risulto decaduto per il Viminale? Se permettete sono di diverso parere”

prev
Articolo Successivo

Spagna: “Rianimate Teresa”. Un milione per l’eutanasia

next