Non ci sono soltanto i casi messi sotto inchiesta dalla Procura di Milano, che ha indagato sette professori di importanti (e meritorie) istituzioni per la ricerca sul cancro. Le frodi scientifiche in Italia sono molte di più. Così almeno sostengono le segnalazioni che arrivano a Pubpeer, la piattaforma web americana che denuncia gli imbrogli nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Sono la foto di un Paese non democratico”

prev
Articolo Successivo

“Non c’è stato alcun plagio e le riviste Usa lo hanno accertato”

next