I contraenti che non sono alleati vanno avanti con tavoli infiniti, si rinfacciano numeri e cattive intenzioni, difendono le rispettive trincee elettorali. Ma nella partita sulle autonomie, specchio del fossato tra Lega e M5S, un ruolo fondamentale lo avranno i due presidenti delle Camere che ufficialmente non giocano. Eppure da loro dipende tanto del risultato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Anche l’Authority dei conti stronca l’autonomia leghista

prev
Articolo Successivo

Che estate! Le liti da comari come ai bei tempi di Dc e Psi

next