Il decreto Crescita appena approvato dal Parlamento ha una corposa parte fiscale. Dal punto di vista dei conti pubblici (visto il successo dei “condonini” dell’ultima manovra), la novità più rilevante è la riapertura dei termini per la rottamazione ter per chi ha cartelle fiscali: si potrà aderire fino al 31 luglio pagando in un’unica soluzione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Il fisco faccia come Google: i big data contro chi evade”

prev
Articolo Successivo

Diritti per i rider, la norma (anti Jobs Act) in Parlamento

next