Come raccontare l’intensissima emozione che può provare una madre di figlio maschio nel vederlo correre per casa urlando “Barbara Bonanseaaaa”, dopo anni di calcio maschile visto su ogni possibile piattaforma e giocato su ogni possibile campo di calcetto cittadino ed extraurbano? Come spiegare la gioia profonda di una donna italiana nell’ascoltare le parole–balsamo della coltissima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Belle, ma povere. Resisteranno alla tentazione di fama e soldi?

prev
Articolo Successivo

L’astro Stewart troppo bravo per sostituire la grigia May

next