I duri e puri dei Gilet gialli tornano sulle autostrade

Quel che resta del movimento di protesta ha evitato le città: troppo pochi i partecipanti, meglio bloccare i caselli
I duri e puri dei Gilet gialli tornano sulle autostrade

I Gilet gialli sono tornati al loro primo amore: i caselli autostradali e le rotatorie. Per il 32° sabato consecutivo della contestazione – 11.800 presenze secondo il ministero dell’Interno, di cui 1.100 a Parigi – ieri, quel gruppo di manifestanti che dopo sette mesi di lotta sociale non si arrende, è tornato a bloccare le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.