La giustizia è un crepaccio tra i gialloverdi, una differenza più evidente della propaganda. E Alfonso Bonafede e la sua riforma della giustizia possono essere un bersaglio, per il Matteo Salvini che ora vuole tutto. Temi e scene che si incrociano, nel giorno dell’arresto di Francesco Paolo Arata, l’ex consulente per l’energia della Lega. L’uomo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Europei, la partita tra Ruocco e Raggi

prev
Articolo Successivo

Il nuovo braccio armato di Matteo in Europa

next