“Uno striscione che prende in giro i due vicepremier? Chiudetelo, altrimenti ci arrabbiamo”. Con questa frase i funzionari della Digos di Roma – secondo quanto il segretario generale della Uil Fpl, Michelangelo Librandi, si dice disposto a testimoniare “davanti al mondo” – ieri mattina avrebbero “censurato” la vignetta di 9 metri per 12, che il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ecco il Partito verde di Sala con la benedizione del Pd

prev
Articolo Successivo

“Stagionali addio: è colpa del reddito di cittadinanza”

next