“Alla fine di questa storia chiederò a tutti di rispondere delle accuse infondate e infamanti contro di me”. Mercoledì sera Luca Lotti va all’attacco. Per uno che tende a non parlare, neanche sotto tortura, un chiaro segno di nervosismo: “Sui giornali e nei tg il mio nome è stato tirato in ballo, sempre a sproposito, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lo sconto concesso a Padoan e i peccati dei gialloverdi: come nasce la sanzione

prev
Articolo Successivo

Le relazioni pericolose e il balbettìo di “Zinga”

next