La data cruciale, 28 maggio, è caduta proprio ieri, due giorni dopo le elezioni. È il termine entro cui dovevano arrivare le “manifestazioni d’interesse” delle aziende che si candidano a realizzare il tunnel Tav tra l’Italia e la Francia. Lavori per 2,3 miliardi di euro, una bella fetta del costo totale della super-galleria, 9,63 miliardi. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Da Rixi alla “secessione 2.0”: i dieci temi per aprire la crisi

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco: “Che tristezza i porti chiusi”

next