Dove sono gli Olivetti di oggi? Chi crede più al “fare bene”?

“C’era in tutti un grande desiderio di esistere, di far bene. È il desiderio che prende all’indomani di una salutare sconfitta, insieme all’ottimismo per il genere umano se, fra gli scampati a un disastro, stai per conoscere persone intelligenti e potenti che sembrano proprio lì per progettare la vita nuova”. Giorgio Soavi, da “Il tempo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.