“Sono scioccata. Non mi aspettavo anche io di essere vittima di hackeraggio”. Ernesta è una signora di Crotone. Anche lei è una dei “volontari”, come nelle carte dell’inchiesta di Napoli sulla società E-Surv vengono chiamati quei “soggetti ‘bersaglio’ che venivano intercettati a loro insaputa, per il solo fatto di aver scaricato l’applicazione infettata dallo store, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Software-spia, indagine a Roma sul contratto con gli 007

prev
Articolo Successivo

Gilet gialli: il voto anti-Macron

next