Ucciso a due anni, il padre confessa: “Non riuscivo a dormire e l’ho picchiato”

Ucciso a due anni, il padre confessa: “Non riuscivo a dormire e l’ho picchiato”

Lividi ovunque e una evidente ferita alla testa. Sul pianerottolo chiazze di sangue. L’allarme al 118 arriva ieri mattina dopo le cinque. “Mio figlio non sta bene, non respira”. Quando i paramedici giungono sul posto il piccolo è già morto. Aveva due anni. Tutto avviene in via Ricciarelli 22 a Milano. Case popolari dell’Aler. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.