Da qualche giorno in libreria con “La malalegna”, la scrittrice Rosa Ventrella ha indagato per noi sul ruolo femminile durante la Seconda guerra, da Femmina Madre a “donna e basta”. L’eterna diatriba tra la donna-Eva, tentatrice, peccaminosa e corrotta, e la donna-Madonna, la vergine casta e pura che diventerà poi la moglie, l’angelo del focolare: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Vado a girare in Cina, da noi il cinema è finito”

prev
Articolo Successivo

Dolan e la precoce sindrome di Peter Pan

next