Guerra e malalegna: la rivolta della donna né santa né Eva

La scrittrice Rosa Ventrella indaga i volti femminili svelati dal Secondo conflitto mondiale: mogli con i mariti al fronte, le armi in casa e il nemico invisibile del pettegolezzo alle porte
Guerra e malalegna: la rivolta della donna né santa né Eva

Da qualche giorno in libreria con “La malalegna”, la scrittrice Rosa Ventrella ha indagato per noi sul ruolo femminile durante la Seconda guerra, da Femmina Madre a “donna e basta”. L’eterna diatriba tra la donna-Eva, tentatrice, peccaminosa e corrotta, e la donna-Madonna, la vergine casta e pura che diventerà poi la moglie, l’angelo del focolare: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.