Mancano solo quattro titoli, tra cui Il traditore di Marco Bellocchio che passa oggi, per completare il Concorso tutt’altro che eccelso di Cannes 72, e in attesa del palmarès Once Upon a Time in Hollywood di Quentin Tarantino finisce sul podio della critica. Quello che Leonardo DiCaprio definisce “una lettera d’amore a tutti gli outsider […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Guerra e malalegna: la rivolta della donna né santa né Eva

prev
Articolo Successivo

Salvo la storia o smonto le fake? Un comma 22 democratico

next