La prima volta era stato fermato a Roma lo scorso settembre. L’ultima volta, sempre nella Capitale, poco più di una settimana fa. Ma di lui, del giovane nordafricano che la scorsa notte ha appiccato il fuoco alla sede della Polizia municipale di Mirandola, provocando la morte di due donne anziane (altre 20 persone sono intossicate), […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Tar schiaffeggia il Viminale: vincono Lucano e Riace

prev
Articolo Successivo

Stragi, la verità ufficiale non regge – L’intervento di Roberto Scarpinato

next